Confapi: stop licenziamenti fino 31 agosto ma con cassa Covid e politiche attive

Confapi, rappresentata dal Presidente Casasco, ha partecipato stamattina all’incontro a cui il Ministro Orlando ha convocato le associazioni datoriali dell’industria e le organizzazioni sindacali. 
Casasco ha presentato tre proposte per far ripartire l’economia evitando tensioni sociali, una “via concreta” che raccoglie le esigenze di imprese e lavoratori. 
A fronte della richiesta sindacale di proroga dello stop dei licenziamenti al 30 ottobre, e della netta contrarietà espressa da Confindustria, Confapi ha proposto di mantenere il blocco fino al 31 agosto non prorogabile, conservando parallelamente la cassa integrazione Covid. 
 
“Questo – ha spiegato Casasco – perché bisogna in primo luogo verificare come procede la pandemia e la campagna di vaccinazione e poi perché occorre del tempo per far partire di fatto le politiche attive”.
 
Quindi, i tre punti sono: proroga del blocco, cassa Covid e politiche attive che vanno tutte di pari passo. In questo modo, secondo Casasco, si supera l’estate, le aziende e i lavoratori possono usufruire della Cig Covid e le istituzioni hanno la possibilità di mettere in piedi le politiche attive, il cui tavolo, ha assicurato Orlando, partirà a maggio.