Pubblicato il Decreto direttoriale che rende operativo il BANDO DIGITAL TRANSFORMATION del MISE, finalizzato a sostenere la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle PMI attraverso la realizzazione di progetti diretti all’implementazione delle tecnologie abilitanti individuate nel Piano Nazionale Impresa 4.0.

L’agevolazione prevede un contributo a fondo perduto del 10% della spesa, unitamente ad un contributo sotto forma di finanziamento a tasso zero pari al 40% della spesa totaleI progetti, ancora da avviare, dovranno avere un budget previsto compreso tra € 50.000 ed € 500.000.

A CHI SI RIVOLGE

Possono beneficiare delle agevolazioni:

  • le PMI che operano in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e/o nel settore turistico e/o nel settore del commercio;
  • hanno conseguito, nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a euro 100.000,00;
  • che dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese e non siano in difficoltà.

Le PMI in possesso dei predetti requisiti possono presentare progetti anche congiuntamente ad altre imprese (fino a dieci), mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione.

COSA FINANZIA

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono essere diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione di:

  • tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0;
  • tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori, al software, alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica o ad altre tecnologie innovative.

I PROGETTI DI SPESA DEVONO:

  • essere compresi tra euro 50.000,00 ed euro 500.000,00;
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni
  • prevedere una durata non superiore a 18 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

LE AGEVOLAZIONI

Le risorse finanziarie per la concessione delle agevolazioni ammontano a euro 100.000.000,00. Per entrambe le tipologie di progetto ammissibili a beneficio le agevolazioni sono concesse come segue:

  • 10 percento sotto forma di contributo a fondo perduto;
  • 40 percento come finanziamento agevolato a tasso zero.

Le agevolazioni per i progetti di innovazione di processo o dell’organizzazione sono concesse in esenzione “de minimis”, mentre le agevolazioni per i progetti di investimento vengono concesse in regime “de minimis”.  Il finanziamento agevolato deve essere restituito dal soggetto beneficiario senza interessi a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni, in un periodo della durata massima di 7 anni.

TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE

Le domande di accesso alle agevolazioni sono concesse mediante procedura valutativa a sportello, a partire dalle ore 12.00 del 15 dicembre 2020